Noleggio lungo termine contro costi auto tradizionale

L’utilità del noleggio a lungo termine anche come parziale antidoto contro l’aumento dei prezzi è rilevabile da questa interessante analisi condotta dal Centro Studi Promotor che, dati ISTAT alla mano, ha verificato se nel corso del 2018 le spese di acquisto e quelle attinenti all’utilizzo di un’autovettura hanno avuto un andamento in linea con il tasso di inflazione registrato e pari all’1,2%.

Prezzi di acquisto

La prima parte dell’indagine sulla variazione dei costi di acquisto delle auto nuove: è stato registrato un aumento dell’1,89% determinato da un +2,04% delle motorizzazioni diesel ed un +1,77% delle motorizzazioni a benzina. In entrambi i casi ci troviamo di fronte ad aumenti superiori al tasso di inflazione.

Costi dei carburanti

Il rincaro del prezzo dei carburanti è la nota dolente di questa indagine considerato che sono stati rilevati valori ben superiori al tasso di inflazione: addirittura un +8,14% per il gasolio, +5,38% per la benzina e + 5,67% per le altre tipologie di carburanti, rappresentati essenzialmente da GPL e metano. La dinamica di questi prezzi è da riconoscere nell’andamento subito dal prezzo del petrolio nel corso del 2018 caratterizzata da una costante crescita nei primi 10 mesi dell’anno per poi calare bruscamente nell’ultimo trimestre, cosa che fa ritenere che la dinamica del costo del carburante nel corso del 2019 sarà più favorevole.

Altre voci di costo

Più favorevole è il quadro delle rimanenti voci di costo sostenute per l’utilizzo di un’autovettura: a parte i pedaggi autostradali cresciuti del 2,56% secondo una dinamica costante che molte polemiche, anche politiche, ha suscitato per gli altri costi Promotor rileva come gli aumenti siano o in linea con il tasso di inflazione (manutenzioni e riparazioni +1,27%) oppure anche leggermente inferiori (assicurazioni, pezzi di ricambio, parcheggi, e pneumatici tutti compresi tra +0,99% e +0,50).

L’antidoto: il noleggio a lungo termine

Il contratto di noleggio a lungo termine prevede un canone mensile fisso comprensivo di gran parte dei costi oggetto dell’analisi condotta dal Centro Studi Promotor. Ad eccezione del costo del carburante e dei pedaggi autostradali tutti gli altri costi sono definiti per tutta la durata del contratto e quindi il cliente è al riparo da eventuali aumenti che, come vediamo, tutti gli anni si possono verificare con particolare riferimento alle tariffe assicurative. Con il contratto di noleggio a lungo termine il cliente è quindi in grado di fare una precisa e corretta valutazione dei costi che dovrà affrontare nel corso del contratto senza che ci siano sorprese.

Bisogno di aiuto? Scrivici su Whatsapp